1 recensione di Bill & Ted’s Excellent Adventure

Bill & Ted è una serie composta da due film di fantascienza per ragazzi: “Bill & Ted’s Excellent Adventure” del 1989 diretto da Stephen Herek, e “Bill & Ted’s Bogus Journey” del 1991 diretto da Peter Hewitt.

Purtroppo in Italia la serie non ha mai raggiunto un grande successo: il primo film è rimasto inedito, quindi mai importato e mai tradotto, mentre il secondo, importato con il nome “Un mitico viaggio”, sembrerebbe non aver riscosso grande successo.

Bill & Ted's Excellent Adventure screen_1Io stesso venni a conoscenza dell’esistenza di Bill e Ted unicamente grazie ad alcuni canali YouTube statunitensi, principalmente Angry Video Game Nerd e Epic Rap battles of History.

Inizialmente non me ne interessai molto, finché in tempi abbastanza recenti non ho scoperto che il leggendario George Carlin faceva parte del cast, e a quel punto guardarli è diventato per me un obbligo.

Oggi quindi XCose recensirà per voi il primo dei due film: Bill & Ted’s Excellent Adventure!

 

Clicca qui per leggere la TRAMA (SPOILER)

Prima di tutto c’è da dire che, prima di guardare Bill & Ted’s Excellent Adventure, mi aspettavo che i due protagonisti fossero i classici stereotipi di adolescenti sbruffoni e nullafacenti che abbiamo visto già in tantissimi altri film, ma sono rimasto piacevolmente sorpreso nel vedere che così non è: Bill e Ted sono sì due scansafatiche fissati con l’air guitar e l’avvenente matrigna di Bill, ma riescono anche a rendersi conto dei rischi che corrono e si impegnano al massimo per realizzare il loro sogno.

Bill & Ted's Excellent Adventure screen_4George Carlin è perfetto nel ruolo del misterioso Rufus, e sebbene compaia sicuramente meno rispetto ai due protagonisti, riesce comunque a regalare un’ottima performance.

Per quanto riguarda il lato comico di Bill & Ted’s Excellent Adventure, ammetto che probabilmente molte battute e gag mi avrebbero fatto più ridere se avessi visto il film con gli occhi di un ragazzino. Inoltre, penso che questo film abbia raggiunto un record: è sicuramente la pellicola in cui vengono pronunciate più volte le parole: “excellent”, “most triumphant”, “bogus” (sostanzialmente il contrario di excellent) e “dude”.

Il lato comico migliore è sicuramente quello rappresentato dall’interazione fra i due protagonisti e i vari personaggi storici, che finisce per creare situazioni e dialoghi strampalati, come:

All we are is dust in the wind, dude.
– Ted rivolto a Socrate.

Bill & Ted's Excellent Adventure screen_3

Oppure:

How is going, royal ugly dudes?
– Bill rivolto al re e alle sue guardie.

Bill & Ted's Excellent Adventure screen_5

Ho gradito molto anche la scelta delle musiche di Bill & Ted’s Excellent Adventure, già dai primi secondi: il film, infatti, si apre con “Breakaway” dei Big Pig. Un’ottima scelta.

Un altro aspetto che mi ha colpito molto del film è la cura con cui sono stati rappresentati i viaggi nel tempo: il fatto che in più occasioni Bill & Ted riescano a superare vari ostacoli grazie all’aiuto dei Bill & Ted dal futuro, i quali hanno disseminato in giro indizi e suggerimenti per i se stessi del passato, è un tocco di genio degno di nota.

Insomma, come film di fantascienza per ragazzi Bill & Ted’s Excellent Adventure centra in pieno i suoi obiettivi: personaggi simpatici e non stereotipati, giusta dose di demenzialità, ottime rappresentazioni dei personaggi storici e dei viaggi nel tempo e, infine, ottime musiche. Un vero peccato che non sia mai stato importato qui da noi.

AmazonBill & Ted WikipediaBill & Ted IMDbBill & Ted

Emanuele

Nato nel 1994. Terminato il liceo scientifico, si iscrive a “Culture digitali e della comunicazione” all’università Federico II di Napoli, dove si laurea nel 2015.Appassionato di musica, lettura, teatro, comicità, videogiochi e tanto altro, adora qualsiasi cosa sappia mescolare con ingegno il sacro con il profano e vanta una vasta collezione di materiale satirico in continua crescita.Nell’aprile 2016 fonda assieme ai suoi amici XCose.it, dove ricopre il ruolo di redattore, social media manager e grammar nazi.