5 novità più attese dell’E3 2016

Sono passate diverse settimane dall’E3 2016 ma l’eco delle sorprese annunciate nelle varie conferenze è ancora presente.
Ecco quindi che prende vita la nostra personale cinquina caratterizzata dalle novità annunciate all’E3 che stanno influenzando maggiormente l’ultimo periodo e che, ci scommettiamo, continueranno a far parlare di sé per molto, molto tempo.

Leggi il seguito

1 recensione di “La canzone del mare”

Un viaggio nel mondo leggendario della cultura Irlandese, attraverso la nuova fantasia di Tomm Moore:
La canzone del mare“, il nuovo film candidato agli Oscar come miglior film d’animazione.

Eccovi una recensione con riassunto del film.

Mescolando genio e antiche mitologie locali, il regista crea una storia che ruota attorno alla figura delle selkie, crature mitologiche che “collegano” il mondo terreno con quello marittimo, avendo la capacità di mutare la loro forma da umana in quella di foche.

E’ questa la vera identità della protagonista del film, una bambina di sei anni incapace di parlare: Saoirse.

Leggi il seguito

10 Migliori album di old school rap italiano

“Oggi il rap serve solo a diventare un po’ più ricchi” canta Fabri Fibra in “Playboy”.
Tuttavia, negli anni d’oro dell’ old school rap italiano, cioè gli anni 90, il rap era considerato un genere di nicchia e nei rappers c’era decisamente molta più voglia di sperimentare.
Oggi il rap si è commercializzato molto, tanto da trovare spazio su palchi come quello di San Remo e Amici di Maria.

Oggi quindi XCose propone un bel viaggio nostalgico attraverso una classifica dei 10 migliori album di old school rap italiano, alla scoperta degli artisti che hanno posto le bassi di ciò che, nel bene o nel male, rappresenta il rap oggi.

Ci sono stati alcuni criteri di selezione: sono stati scelti ovviamente solo album italiani, e soltanto quelli pubblicati prima del 2000. Inoltre bisogna ricordarsi che i pareri espressi sono puramente personali.

Leggi il seguito

4 consigli sul poker prima di cominciare a giocare

Il poker da diversi anni ha ottenuto molta popolarità, tanto che adesso è considerato una disciplina sportiva a tutti gli effetti. Basti pensare che ogni anno si svolgono le “World Series Of Poker”, un evento in cui giocatori di tutto il mondo si sfidano in diversi tornei di tutte le varianti esistenti (o quasi), per ottenere i titoli di campione del torneo, oltre che per i tanti soldi in palio, ovviamente.

Ecco il punto cruciale: i soldi. Per poter giocare un torneo bisogna pagare un buy-in, cioè il costo di iscrizione del torneo, che può essere di valore alto. E sebbene il poker sia considerato un gioco di abilità, quest’ultima si vede solo nel lungo periodo. Non si può capire quanto si è bravi con un solo torneo. Questo perché oltre l’abilità c’è un altro fattore importante: la fortuna, che è determinante nel breve periodo. Si può essere il migliore giocatore del mondo del poker ma uscire subito per una mano sfortunata, e quindi perdere tutti i soldi pagati. Per questo verranno ora mostrati quelli che consideriamo buoni consigli su come iniziare e per non impazzire, se si dovessero perdere soldi a poker.

Leggi il seguito