5 date importanti della storia di Pepe the Frog

Se vi state chiedendo da dove proviene quella strana ranocchia che negli ultimi anni sembra aver colonizzato Internet siete capitati nel posto giusto, perché in quest’articolo XCose descriverà la storia di Pepe the Frog attraverso le 5 date più importanti.

2005

5 date importanti della storia di Pepe the Frog

Pepe the Frog nasce nel 2005 come uno dei personaggi protagonisti di “Boy’s Club”, fumetto di Matt Furie incentrato attorno alle avventure grottesche di quattro strambe creature antropomorfe tra cui proprio Pepe the Frog.

 

2008

A partire dal 2008 alcune immagini di Pepe the Frog cominciano a circolare sul sito 4Chan, famosa image board divisa in tante sottosezioni in cui gli utenti possono interagire nell’anonimato scambiandosi sia immagini che messaggi.

5 date importanti della storia di Pepe the FrogE anche se col tempo 4Chan si è guadagnato il titolo di “buco del culo di Internet” proprio perché la caratteristica dell’anonimato degli utenti ha fatto sì che il sito (in particolare la sezione /b/ – random) fosse spesso teatro di storie che farebbero impallidire un frequentatore abituale del Deep Web, c’è una cosa positiva sulla quale però tutti concordano: è su 4Chan che nascono tutti i meme migliori.

5 date importanti della storia di Pepe the Frog
Smug Pepe

E così nel 2008 il percorso di Pepe verso la fama parte con il suo faccione sorridente con la scritta “feels good man” che, estrapolato direttamente dal fumetto, comincia ad essere utilizzato in molti post su 4Chan.
A questa prima immagine cominciano poi a seguire altre varianti realizzate dagli utenti, come ad esempio il Pepe triste con la scritta modificata in “feels bad man”; la sua incarnazione destinata a diventare la più popolare: smug Pepe e tante, tantissime altre.

In breve tempo il Pepe triste e pessimista riesce a prevalere sul Pepe allegro alla “feels good man” e comincia spesso a essere rappresentato in compagnia di un altro noto meme: Feel Guy.
A questo punto la fama crescente di Pepe su 4Chan lo porta a diventare gradualmente un vero e proprio emblema dei neet o comunque l’antitesi di quella categoria di persone che gli utenti di 4Chan chiamano dispregiativamente “normalfags”: persone con gusti e abitudini legate alla cultura mainstream.

Tuttavia, nel 2015 accade qualcosa di tremendo.

2015

Ironia della sorte, nel 2015 Pepe viene rubato” proprio da quei normie che 4Chan odia tanto.
I faccioni di Pepe cominciano a proliferare su siti come Facebook e Twitter e perfino Katy Perry, Nicki Minaj e altre celebrità cominciano a postare sui social immagini con protagonista l’ormai popolare ranocchio.

Il popolo di 4Chan interpreta la vicenda come una vera e propria dichiarazione di guerra e decide di reagire in svariati modi, ad esempio cominciando a far circolare immagini di Pepe e Feel Guy decisamente più volgari ed esplicite del solito, in modo tale da renderne impossibile la condivisione su Facebook o Twitter senza incappare nelle segnalazioni.
Per un po’ viene anche presa in considerazione l’idea di “uccidere” Pepe the Frog e sostituirlo con una nuova mascotte, come WOFL the Wolf, ma nessun tentativo risulta particolarmente apprezzato.

La reazione più significativa (e anche la più divertente) consiste nella realizzazione di cosiddetti “Pepe rari”: immagini di Pepe particolari create da zero (quindi libere dalle grinfie dei normie) che non solo incominciano a girare su 4Chan accompagnate da scritte come “Pepe raro, per favore non salvare/copiare”, ma vengono anche messe in vendita su siti come eBay spesso a prezzi molto alti.

5 date importanti della storia di Pepe the Frog

2016

Nel 2016 le sorti di Pepe si rovesciano: grazie alla sezione /pol/ – politically incorrect di 4Chan, quello che sembrava un meme morente ormai nelle mani del mainstream viene riesumato come stendardo del movimento Alt-right americano in occasione delle elezioni USA.

In linea con la retorica anti-normalfag di 4Chan, la strategia di /pol/ consiste solitamente nell’andare contro i candidati maggiormente appoggiati dai media e nei social network in generale. Quindi, durante la campagna delle elezioni USA, centinaia e centinaia di meme legati a Pepe vengono creati per supportare Donald Trump.

Quest’anno segna anche la nascita di un vero e proprio culto satirico legato al binomio Pepe-elezioni: il culto di Kek e della meme magic, forza magica che sarebbe in grado di manipolare il destino grazie ai meme e che si manifesterebbe attraverso combinazioni particolari dei post numbers degli utenti.

Lo stesso anno 4Chan viene anche a conoscenza della canzone Shadilay, vecchio brano dance italiano del 1986 caratterizzato da fin troppe coincidenze: il nome del cantante P.E.P.E. e il disco che in copertina ha proprio una rana.
Immediatamente gli adepti del culto di Kek non si lasciano sfuggire l’occasione e adottano Shadilay come proprio inno ufficiale.

Mentre molti estranei alla filosofia di /pol/ si ostinano a voler identificare Pepe come un simbolo razzista/nazista/di odio, nel frattempo molti cultori di Pepe the Frog ancora oggi si crogiolano contenti nella convinzione che sia stata la meme magic, supportata dalla gran quantità di meme in campagna elettorale, ad aver permesso a Trump di diventare Presidente degli Stati Uniti.

2017

5 date importanti della storia di Pepe the FrogIl Pepe the Frog originale, ovvero quello del fumetto Boy’s Club, viene fatto fuori dal suo creatore Matt Furie che, il 7 maggio 2017, ne disegna il funerale.

5 date importanti della storia di Pepe the Frog
Pepe Le Pen

Il fatto avviene in concomitanza con un altro avvenimento importante: le elezioni francesi.
Il popolo di /pol/, già da tempo impegnato a supportare tramite meme la candidata Marine Le Pen, assiste alla sua dura sconfitta e, di conseguenza, al triste fallimento della meme magic.

 

 

Nonostante tutto ciò, il meme di Pepe the Frog continua a essere ampiamente usato (forse anche troppo) dal popolo di Internet, mentre /pol/ attende fiducioso il risveglio della meme magic.
Chissà di quante altre vicende la nota ranocchia virale finirà per diventare protagonista.

 

WikipediaPepe the Frog

Emanuele

Nato nel 1994. Terminato il liceo scientifico, si iscrive a “Culture digitali e della comunicazione” all’università Federico II di Napoli, dove si laurea nel 2015.Appassionato di musica, lettura, teatro, comicità, videogiochi e tanto altro, adora qualsiasi cosa sappia mescolare con ingegno il sacro con il profano e vanta una vasta collezione di materiale satirico in continua crescita.Nell’aprile 2016 fonda assieme ai suoi amici XCose.it, dove ricopre il ruolo di redattore, social media manager e grammar nazi.