16 libri da leggere su una finta spiaggia in una finta estate parte 1

Tra poche ore la primavera lascerà il posto all’estate, la stagione più attesa dell’anno per molte persone ma che, stavolta, avrà un sapore dolceamaro. Nonostante l’allentamento delle numerose regole restrittive, non possiamo dirci del tutto al sicuro dal covid, quindi la prudenza, seppur più insicura e barcollante di prima, è sempre consigliata. Che voi passiate i mesi estivi in spiaggia, montagna o balcone non importa, ogni meta è ottimale per una buona lettura, e non una in particolare, la cosiddetta “lettura estiva”, ma qualsiasi storia incontri il vostro gusto: classici “mattoni”, raccolte di racconti umoristici, brevi romanzi rosa, saghe fantasy, saggi scientifici e non. Ecco, quindi, i 16 libri da leggere su una finta spiaggia in una finta estate, o meglio i primi 8!

Se vi appassionano le storie vere, i racconti di vita più ispiranti e fuori dalle righe, dovete provare con l’autobiografia di Marina Chapman, La figlia della giungla.

Il titolo ricorda la celebre vicenda di Mowgli, il bambino cresciuto dai lupi, de Il libro della giungla di Kipling, o la sua trasposizione disneyana, ma le somiglianze si esauriscono qui. Il destino di Marina, la protagonista di questo libro, è molto diverso e purtroppo comune ad altri bambini colombiani che vengono rapiti dalle loro famiglie per essere abbandonati nella giungla o venduti. Chi si aspetterebbe mai che una bambina di nemmeno cinque anni riesca a sopravvivere alla sua prima notte da sola tra gli animali selvatici? Questo libro dimostra che la risposta non è così scontata, che il più delle volte l’animale più pericoloso è proprio l’uomo.


Se invece volete approfittare dell’estate per recuperare qualche classico ma non sapete quale perché ne avete letto la maggior parte, vi consiglio l’opera di Anne Brontë, Agnes Grey.

Tutti conoscono Emily e Charlotte Brontë, ma in quanti si sono mai imbattuti in Anne, la sorella minore del trio inglese? Anche lei si dilettava con la scrittura, e il suo Agnes Grey è un piccolo e delicato romanzo dedicato a una giovane istitutrice alle prese con delle capricciose signorine da istruire, e con le sue prime esperienze amorose. Una scrittura piuttosto diversa rispetto alle sue sorelle, ma che vi invito a non prendere sotto gamba, potrebbe sorprendervi! 

E se siete alla ricerca di un libro giallo come il sole, perché le indagini non vi bastano mai, allora non posso che suggerirvi una penna napoletana, e no non si tratta del nostro amato Maurizio de Giovanni ma di Annavera Viva, autrice del gruppo Homo Scrivens.

Il suo Questioni di sangue è il primo di una serie che vi porterà dritti nella Napoli popolare, precisamente nel quartiere Sanità, dove Padre Raffaele, il protagonista, e Assuntina, la sua perpetua, vi accompagneranno tra i vicoli della città, alla scoperta di sogni e speranze, buona cucina tradizionale, sapienza, ma anche malavita e corruzione. Un libro che non potrà non appassionarvi oltre che farvi venire l’acquolina in bocca.

Se è un libro per ragazzi quello che state cercando, la scelta non può che cadere su Le avventure di Tom Sawyer di Mark Twain.

Autore statunitense principalmente noto per il personaggio di Huckleberry Finn, compagno di marachelle di Tom tra l’altro, che con i suoi romanzi ha tenuto compagnia a innumerevoli bambini e ragazzi delle scorse generazioni. Quindi, perché non riproporlo anche nel 2020 e lasciare che Tom e i suoi amici intrattengano i lettori di ogni età con le loro avventure? Tra cacce al tesoro, indiani, prime cotte, abili manipolazioni e fughe, Tom Sawyer ha tutto ciò che serve per tenervi occupati nei mesi estivi.

Se avete voglia d’amore, di commozione ma, al contempo, di provare un approccio nuovo, fresco, non scontato al romanzo rosa, vi consiglio Il sapore delle parole inaspettate di Giulia Zorat.

Si tratta dell’opera prima di una giovane scrittrice triestina, fatta di pagine eleganti e leggiadre, ma non prive di significato, che ci portano tra le strade di Parigi, tra i quartieri meno noti, alla scoperta di angoli e tradizioni nascoste. Un romanzo polifonico sull’amore, quello vero e sempiterno. La perfetta vacanza “mordi e fuggi” per emozionarsi e innamorarsi nella capitale del romanticismo.

Se invece è il passato ad attrarvi come una calamita, non potete non provare il romanzo storico di Susan Vreeland, La passione di Artemisia, che alla storia affianca la divulgazione artistica.

Attraverso pagine evocative ed emozionanti, vivrete con la tormentata pittrice romana le esperienze più dolorose, le delusioni da parte di un mondo governato dagli uomini, e i suoi viaggi tra le famiglie più illustri d’Italia, affamate della sua affascinante arte. Una storia sofferta quella di Artemisia, capace di catturare fin dalle prime frasi come i suoi quadri, vividi e pregni della più cruda umanità.

Talvolta, nell’indecisione, una leggera commistione di generi è proprio quello che ci vuole per scegliere la lettura più adatta, ecco perché il mio penultimo suggerimento è un thriller d’azione/psicologico: L’alienista di Caleb Carr.

Nella Manhattan del 1896 si consumano efferati omicidi di bambini immigrati travestiti che si prostituiscono nei bordelli dei sobborghi più infimi. Non si tratta dei soliti cadaveri quelli che vengono scoperti ai vari angoli della città, ma di corpi mutilati orribilmente che agli occhi della polizia non vogliono dire assolutamente nulla. Cosa accade quando a investigare non sono più bigotti e corrotti poliziotti, ma un alienista, il nostro moderno psichiatra, un giornalista, un segretaria con aspirazioni di detective e due investigatori appassionati di criminologia? Un romanzo denso, particolareggiato e atipico. Sconsigliato per stomaci deboli.

Anche se non esiste il libro estivo per antonomasia, quando ci si imbatte in un romanzo umoristico non si può evitare di collegare le due cose. Vero è che c’è umorismo e umorismo: si passa dalla raccolta di barzellette o di sketch comici, all’ironia più sottile nascosta tra le righe di un romanzo, fino ai racconti di vita. A quest’ultima categoria appartiene Un figlio e ho detto tutto, una raccolta di storie tratte dalla vita di Gianmarco Pozzoli e Alice Mangione, in arte The Pozzolis Family.

La famiglia di comici più famosa del web, composta da mamma Alice, papà Giamma, Gioppy e Olly, si fa un selfie all’inizio di tutto, quando i due futuri compagni e genitori si conoscevano appena, quando non erano necessarie epilazioni inguinali dell’ultimo secondo da un’improbabile estetista cinese, e soprattutto quando non esistevano ancora test di gravidanza positivi! Un libro per ridere, e non solo.

Se volete scoprire i restanti 8 titoli dovete attendere lunedì!

la.grafite

Laura Andrea Parascandolo, per vezzo la.grafite, è un'editor maniaca del controllo, amante della parola in forma scritta, alla continua ricerca della perfettibilità. Dalla consulenza alla stesura, dal consiglio alla correzione, la sua matita si presta a qualsiasi tipologia di testo, a patto di mimetizzarsi tra le righe grigie dei vostri notebook. Ha una parlata caratteristica, colorita, abbondante di metafore e similitudini, spesso un tutt'uno con la sua scrittura. Bibliofila, divoratrice di storie, soprattutto di romanzi storici e classici della letteratura inglese, ha reso la lettura, l'acquisto, lo scambio e la catalogazione compulsiva di libri il cuore pulsante della sua vita.

Seguici su Facebook!