2 motivi per cui Marco Travaglio è il miglior autore satirico italiano

Mi rendo conto che dire che Marco Travaglio è il miglior autore satirico italiano possa far incazzare parecchie persone per svariati motivi ma seguitemi, so di cosa parlo.

 

2 motivi per cui Marco Travaglio è il miglior comico satirico italiano
Bugiardi Senza Gloria

Stamattina mi sono recato in edicola per acquistare un libro: Bugiardi Senza Gloria, del giornalista Marco Travaglio. Il libro si presenta come una rassegna delle più famose balle spaziali sparate da politici e giornalisti italiani negli ultimi dieci anni. L’acquisto del libro è stato legato a una doppia aspettativa: che mi informasse e che mi strappasse qualche sorriso. Già, avete capito bene: far sorridere.

Che il libro di un giornalista possa essere satirico e possa far divertire è una cosa che può sembrare strana, eppure è così.

Leggi il seguito

20 anni di satira su Berlusconi: una retrospettiva

Quest’articolo rappresenta un piccolo excursus sulla satira su Berlusconi dalla sua discesa in campo fino alla fine del suo quarto governo, il tutto dal punto di vista di un 26enne che ha vissuto in pieno il berlusconismo.

Avevo infatti tre mesi quando, nel maggio del 1994, nacque il primo governo Berlusconi. Praticamente il sottoscritto è cresciuto di pari passo con la carriera politica del presidente di Forza Italia.

Leggi il seguito

2 presidenti imitati da Phil Hartman al Saturday Night Live

Alzi la mano chi non conosce il Saturday Night Live.
Il popolarissimo colosso satirico, in onda negli Stati Uniti dal lontano 1975, nei suoi tantissimi anni d’attività ha saputo sfornare una grande quantità di talenti. Tra questi, chi è appassionato della trasmissione ricorderà sicuramente Phil Hartman, che ha fatto parte del cast di comici dalla seconda metà degli anni 80 alla prima metà dei 90.
Phil Hartman era un ottimo attore, imitatore e doppiatore, infatti in molti lo ricordano oggi soprattutto come il doppiatore del personaggio di Troy McClure nei Simpson.

Leggi il seguito

1 lato positivo ma non troppo

Mascherine, coprifuoco, distanziamento, lockdown, zone rosse: il mondo che pensavamo di conoscere ci sta mettendo a dura prova da un bel po’ di mesi e continua a farlo, ecco perché credo sia fondamentale riuscire, o almeno provare, a mantenere una certa positività lucida e razionale, che non si nutra solo di belle speranze ma di riflessioni (ri-flessioni, flessibili, flessibilità). Lungi da me approfondire questo discorso, è troppo complesso e personale per essere affrontato qui ma vorrei condividere con voi il ricordo di un film dal titolo emblematico che mi ha da sempre colpito per il suo modo molto spontaneo di far passare concetti importanti.

Leggi il seguito

1 Recensione di La bastarda di Istanbul, di Elif Şafak

L’odio ancestrale tra due popoli, le differenze culturali, la storia che permea il presente… La bastarda di Istambul è un romanzo che mostra come tutto ciò possa essere superato con intelligenza, amore, razionalità, senza dimenticare né rinnegare il proprio passato culturale.

In questo romanzo al femminile gli uomini sono più delle appendici dotate di linguaggio che compagni o sostegni, le due famiglie protagoniste sono di stampo matriarcale dove gli uomini vengono allontanati il prima possibile, in quanto non sembrano in grado di contribuire positivamente alla trama.

Leggi il seguito

5 motivi + 1 per non perdere The Umbrella Academy

Tratta dall’omonima collana di fumetti ideata da Gerard Way (cantante dei My Chemical Romance), la storia di The Umbrella Academy inizia con 43 bambini nati contemporaneamente da donne che all’inizio di quello stesso giorno non erano nemmeno gravide. 7 tra questi bambini vengono adottati da un eccentrico miliardario che li crescerà sperando (a ragione) che sviluppino dei superpoteri; i ragazzi cresceranno con numeri per nome e un androide per madre, allenando le proprie capacità per combattere il crimine. 30 anni dopo incontriamo 5 adulti con problemi sociali, psicologici o di dipendenze, un defunto ed un disperso nelle pieghe del tempo…
Ho appena concluso il bingewatching di entrambe le stagioni e devo dire che sto già pensando di rivederlo!

Leggi il seguito

1 recensione di Donald Trump vs Joe Biden (Epic Rap Battles of History)

Se c’è una cosa che amo, tra quelle che il magico mondo dell’Internet è riuscito a produrre, quella è Epic Rap Battles of History, webserie nata grazie alla collaborazione degli youtuber Nice Peter ed EpicLLOYD, rimasta ferma per mesi a metà della sesta stagione a causa del Covid-19, che ha impedito le riprese di nuovi episodi.
Questa assenza è stata colmata la sera del 22 ottobre quando, dopo che i fan sono stati “torturati” dai profili social di ERB (acronimo della serie) con una lunga serie di indizi per circa una settimana, ha iniziato a trapelare in rete l’audio di una nuova battaglia rap: Donald Trump vs Joe Biden, il primo episodio dopo ben 10 mesi d’assenza.
Il video è stato invece ufficialmente pubblicato il 24 ottobre (clicca qui per vederlo).

Leggi il seguito

1 recensione (negativa) della saga Nevernight, di Jay Kristoff

Nel mio articolo sulle migliori saghe fantasy degli ultimi 20 anni non avevo menzionato Nevernight, che ultimamente ha fatto incassare un gruzzolo non indifferente a Kristoff e alla Mondadori.

La saga racconta di Mia Corvere, ex nobile sedicenne che si prepara a diventare una figura leggendaria, predestinata a far crollare imperi e con un potere oscuro. Nel primo libro Mia dovrà vedersela con adepti e maestri della Chiesa Rossa, una specie di Hogwarts degli orrori, per completare il suo addestramento da assassina e vendicare lo sterminio della sua famiglia.

Il secondo la vedrà gladiatrice e schiava, con un piano macchinoso che l’aiuterà a commettere l’omicidio per cui si prepara da anni. Nel terzo e (finalmente) conclusivo volume della saga, barcamenandosi tra pirati e Dei, l’assassina più buffata del pianeta scoprirà molte verità sul proprio passato e chiuderà i conti con il suo nemico.

Recensire questa saga è difficile, in quanto ha dei lati estremamente positivi ed altri fin troppo negativi, senza vie di mezzo; quando si legge un libro spesso si tende ad enfatizzare uno dei due lati lasciando “ma” o “però” alla fine. Nevernight è una saga totalmente ambivalente, che vede ad esempio una trama ben costruita per quanto riguarda gli intrecci, ma con troppe falle ed eccessiva attenzione a dettagli quantomeno tralasciabili.

Leggi il seguito

1 Recensione di Leggere Lolita a Teheran, di Azar Nafisi

Spesso diciamo di amare i libri perché ci permettono di evadere dalla nostra realtà quotidiana, di esplorare altri momenti o altri mondi; alcuni dicono di ritrovare in un libro parti di sé, o di ciò che vorrebbe essere.

In Leggere Lolita a Teheran tutto quello che per noi occidentali è un viaggio mentale, un modo per darci importanza e renderci più profondi agli occhi degli altri, per Azar e le sue studentesse è una triste realtà. Le otto donne riescono davvero a vedere sé stesse e la loro società in Lolita, hanno seriamente bisogno di quelle ore, ogni giovedì, per evadere dalla propria opprimente realtà. Magari anche perché è l’unico modo che hanno per conoscerne una diversa.

Leggi il seguito