10 cose rimandate a settembre

 

Ormai siamo a settembre inoltrato ed è tempo di recuperare tutto quello che si è deciso di rimandare durante l’estate.
Questo scritto viene incontro a tutti coloro che, a causa degli effetti post-vacanzieri (anche detta “eccessiva pigrizia“) si sono dimenticati cosa hanno rimandato a settembre.

1 – Esami universitari

Gli esami universitari sono il must tra le cose rimandate a settembre ma ormai è giunto il momento di affrontarli (o rimandarli nuovamente a data da destinarsi).

2 – Cercare lavoro

Cercare un lavoro è lo sport preferito dei laureati e disoccupati e, come per gli esami, è tra le cose più rimandate a settembre di sempre. Ma basta con i rimandi, è tempo di inviare altri curriculum tanto se sei fortunato, ti risponderanno tra qualche anno.

3 – Incontrare un amico

Incontrare un amico di cui neanche ricordi il nome. Capita quasi a tutti di ricevere messaggi o chiamate da amici (o parenti) che neanche ricordiamo l’esistenza ma che, invece, vogliono incontrarci. Di solito un evento simile capita sempre in estate quando loro (ossia chi invita) non hanno nulla da fare mentre tu (ossia l’invitato) sei impegnato a non affogare tra le onde del mare (o tra le pagine di un libro universitario o nel proprio sudore mentre continui a lavorare maledicendo chi posta le foto di meravigliose vacanze (ma se sono così meravigliose perché si spende tempo a postare foto invece di godersi ogni momento?)).

4 – Visite mediche

Capita che in estate avendo più tempo per te, scopri di avere problemi strambi che non ti sei mai reso conto prima o che semplicemente hai ignorato tutto l’anno.
Visite mediche in estate? Giammai!
Ed ecco che si rimanda a settembre la cura della propria salute ma… finite le gite in montagna o in grotte marine meravigliose chi ha voglia di un tour in ospedale?

5 – Creare

In estate potrebbe capitare di essere colti da ispirazione artistica mistica e inattesa. Ed è allora che si inizia a sognare di creare romanzi, canzoni, sculture e chissà che altro di creativo. Purtroppo, stando comodamente distesi sul lettino della spiaggia cercando di prendere il sole risulta difficile mettere in atto la propria intuizione apparentemente geniale ed ecco che il processo creativo viene rimandato a settembre… sì ma di quale anno?

6 – Spegnere il gas

Non è una cosa che viene rimandata a settembre ma è uno dei dubbi che attanaglia l’umanità ogni volta che un individuo esce di casa e mi sembrava giusto riportarlo anche qui.

7 – Pagare le tasse

Ahahahaha!

8 – Pittare casa

No, davvero… c’è ancora qualcuno che pitta autonomamente la propria dimora?
Siamo seri, questo punto è dedicato unicamente a chi svolge questo lavoro.

9 – Mettere in ordine qualcosa

Tutti hanno un qualcosa da mettere in ordine, uno scaffale pieno di libri impolverati, una mensola ricolma di pupazzetti usciti da uova di cioccolato, un mucchio di cd musicali, una pila di dvd di vario genere, cassetti pieni di idee represse, foto di ricordi smarriti, un desktop pieno di cartelle vuote, sogni abbandonati… ogni giorno è quello giusto per mettere in ordine qualcosa.

10 – Rimandare a data da destinare tutto quello rimandato a settembre

In fondo lo si fa sempre, consapevolmente o meno.

 

 

Siamo giunti alla fine di questo elenco generosamente corto e gentile (più o meno) che riassume un comportamento comune e che evidenzia un modo come un altro per non affrontare impegni, idee o cose spiacevoli (ma anche quelle piacevoli).
Un giorno qualcuno ha detto “non rimandare a domani quello che puoi fare oggi”.
Allora, cosa rimanderai oggi?

Paskull

Classe '90, laureato in comunicazione e amante di videogiochi, cinema, fumetti, libri, alieni e biscotti. Racconta storie con qualsiasi mezzo a disposizione e alcune di queste sono finite in diverse antologie. PS: Ogni tanto pubblica romanzi.

Seguici su Facebook!